ULTIMA NEWS

Apertura bando Macchinari Innovativi 2020

mercoledì, 24 giugno 2020


Equitalia, rate anti-pignoramenti

Legislazione sul Lavoro - Lunedì, 10 Ottobre 2016


LA RICHIESTA DI RATEAZIONE

  • Secondo quanto stabilito dal Dlgs 159/2015, dal 22 ottobre 2015, una volta presentata la domanda di dilazione, l’agente della riscossione non può avviare nuove azioni esecutive e, in caso di successivo accoglimento dell’istanza e di pagamento della prima rata, non può più proseguire con le misure esecutive già avviate.
  • Questo a meno che il terzo non abbia già reso dichiarazione positiva o non sia stato già emesso provvedimento di assegnazione dei crediti pignorati.

 

L’ATTO DI RINUNCIA AL PIGNORAMENTO

  • Qualora il contribuente debitore, una volta notificato l’atto di pignoramento presso terzi, provveda a chiedere entro il termine di 60 giorni una rateazione e a pagare la prima rata, l’agente della riscossione procederà a notificare ai terzi stessi un atto di rinuncia al pignoramento ai sensi dell’articolo 629 del Codice di procedura civile.
  • Nell’atto attesta di rinunciare alla procedura esecutiva e di liberare, contestualmente, le somme dovute da qualunque vincolo derivante.

 

IL MANCATO ACCOGLIMENTO DELLA RATEAZIONE

  • Qualora l’istanza di rateazione non dovesse essere accolta e, nel frattempo, dovessero scadere i 60 giorni dal momento della notifica del pignoramento, i terzi saranno necessariamente tenuti a versare le somme pignorate direttamente all’agente della riscossione.
  • Anche l’eventuale accoglimento di una successiva istanza di rateazione non consentirà più al contribuente debitore di rientrare in possesso delle somme ormai versate dai suoi debitori alla stessa Equitalia.

 

LA DECADENZA DALLA DILAZIONE

  • Per i piani di dilazione concessi dal 22 ottobre scorso, il Dlgs 159/2015 ha previsto che, se il debitore decade dalla dilazione, “il carico può essere nuovamente rateizzato se, all’atto della presentazione della richiesta, le rate scadute alla stessa data sono integralmente saldate”.
  • In tal caso, il nuovo piano di dilazione può essere ripartito nel numero massimo di rate non ancora scadute alla stessa data.


IN EVIDENZA