ULTIMA NEWS

CORRISPETTIVI ELETTRONICI

mercoledì, 20 marzo 2019


FATTURA ELETTRONICA PER ASSOCIAZIONI SPORTIVE (REGIME 398-91)

Circolari - Mercoledì, 23 Gennaio 2019


Le disposizioni relative alla fatturazione elettronica dei soggetti in regime 398-91 prevedono per tali soggetti che, nel periodo d’imposta precedente, hanno conseguito dall’esercizio di attività commerciali proventi per un importo non superiore a euro 65.000 (l’attività di sponsorizzazione e pubblicità rientra tra i ricavi commerciali), l’esonero dagli obblighi di emissione di fattura in formato elettronico.

Gli stessi, al pari dei contribuenti in regime di vantaggio e dei contribuenti forfettari, potranno continuare ad emettere fattura in formato analogico (cartaceo).

 

Nel caso di superamento della soglia di 65.000 euro di proventi commerciali (nel periodo di imposta precedente), l’ente/ associazione sportiva dilettantistica in regime opzionale 398/1991, dovrà assicurarsi che la fattura sia emessa per suo conto dal cessionario o committente della ASD per conto dell’associazione o soggetto equiparato.

In concreto, sarà “il cliente” della ASD a predisporre e trasmettere la fattura elettronica al sistema di Interscambio.

Il soggetto obbligato alla trasmissione (ossia il cliente della ASD) dovrà indicare nel campo Cedente/Prestatore i dati del soggetto fornitore (quindi l’ASD), mentre nel campo del Cessionario dovranno essere indicati i dati del cliente, ovvero del soggetto che è tenuto alla trasmissione del documento di Interscambio per conto della ASD.

Dal punto di vista contabile la ASD o assimilato dovrà assicurarsi che la fattura sia stata emessa dal soggetto cessionario o committente. Infatti potrà richiedere una copia della fattura emessa per suo conto, oppure verificare la presenza della stessa nella propria area di Fatture e Corrispettivi, area nella quale il SDI depositerà il file XML.

Infine, come chiarito dall’Agenzia delle Entrate in data 15/01/2019, il soggetto in 398/1991 può   emettere direttamente la fattura elettronica, evitando così l’incombenza a carico del proprio cessionario/committente.



IN EVIDENZA